GRINTA, PASSIONE E TANTA VOGLIA DI DIVENTARE GRANDE TRA I GRANDI

Arrivato in punta di piedi nella piccolo paese lucano, sconosciuto ai tanti, Umberto si fa subito notare dal pubblico biancazzurro grazie alla sua grinta che ogni sabato porta in campo.

Umberto Caruso, da Campobasso, classe 1993, di scuola Chaminade, scoperto dallo special one Fausto Scarpitti in terra molisana, non ha perso l’occasione di portarlo a Grassano. Risultato della prima stagione con il CMB? Tante reti, tante belle prestazioni collezionate tanto da meritare la chiamata in Nazionale. Insomma, un 2019 da incorniciare quello di Umberto. 

Ci siamo dati appuntamento al solito bar del paese per prendere un caffè. Al numero 9 bianco-azzurro abbiamo posto le cinque, ormai solite, domande:

  1. La stagione appena conclusa ti ha visto sicuramente protagonista di una storica vittoria. Qual è stato il momento  più difficile della stagione per te e per tutta la squadra?

Momenti di difficoltà durante tutta la stagione ne abbiamo vissuti veramente pochi. Tanti sacrifici e un duro e serio lavoro quotidiano ci hanno permesso di rimanere in testa alla classifica per tutto il campionato.

2. Il gol più bello che hai segnato in questa stagione?

Sicuramente il gol contro la Sandro Abate nell’ ultima partita di campionato, determinante per la partita e per l’intera stagione. Mi ha ripagato di tante soddisfazioni. 

3. Hai imparato qualche parola del dialetto grassanese? Raccontaci del tuo rapporto con i tifosi?  

Quello che ripeto speso è il modo in cui dico “che c’è” in dialetto grassanese, mi piace tantissimo (Umberto prova a pronunciarlo ma non è perfetto!). Il rapporto con i tifosi e in particolare con i grassanesi è bellissimo. Mi hanno fatto sentire a casa dal primo giorno.  Ci fanno sentire importanti.  

4. Svelaci almeno un segreto dello spogliatoio del CMB prima delle partite, chi è il più tranquillo e rilassato?

In questi anni di carriera ho giocato con molti professionisti ma posso sicuramente dire che il giocatore che mi ha trasmesso più tranquillità è “il professor” Vega. Confermato anche lui per la prossima stagione del CMB.

5. Il prossimo anno, o meglio tra qualche mese, sarai anche tu nella rosa del CMB, per la prima volta in Serie A. Cosa ti aspetti per questa stagione che sta per iniziare?

Sarà un’esperienza nuova ed entusiasmante per tutti, a partire dai giocatori. Spero di poter dare il mio contributo alla squadra per raggiungere una salvezza sicura.

Profilo:

Nome: Umberto Caruso
Data di nascita:  24 giugno 1993                                                                             
Nazionalità: italiana
Ruolo: Pivot mancino

Cenni biografici:

Da Campobasso, classe 1993, di scuola Chaminade. La società che lo ha allevato e lo ha portato alla ribalta molisana. Dopo la stagione  2015/2016, condita da una caterva di reti, si interessa di lui Fausto Scarpitti che non perde l’occasione e se lo porta a Isernia: segna venti reti, contribuisce al trionfo pentro che vale l’A2.

Palmares

Competizioni nazionali: 

Isernia (2016/2017)

  • Campionato di Serie A2: 1        

CMB (2018/2019)