Sono passati 5 anni dall’inizio di questa splendida avventura, di questa splendida cavalcata, 5 anni di successi, con 4 promozioni ed un 3 posto (primo anno di serie B). Bellissimo, emozionante, per tutti noi (squadra, dirigenti, tifosi), con l’orgoglio di aver scalato tutte le categorie, vincendo sul campo, senza ripescaggio alcuno. Ed ora?

Ora si riparte, per una nuova avventura, con gli stimoli di sempre, con le difficoltà di sempre, con l’entusiasmo di affrontare l’Everest, senza però dimenticare le nostre origini. Siamo abituati a “combattere”, non dimentichiamo che la nostra è una realtà piccolissima, in una regione piccolissima, dove tutti dicono “bellissimo, una squadra in serie A, mai successo”, ma alla fine si è sempre soli, senza l’ appoggio di nessuno, o quasi; con una campagna abbonamenti deficitaria perchè “senza campo”, con molteplici costi aggiuntivi, con difficoltà organizzative impensabili, praticamente una strada sempre in salita per tutto ciò che si fa.

La forza di questa società, di questi dirigenti, è proprio questa, non arrendersi mai, alzarsi le famose maniche e continuare nel proprio percorso. Certamente ci piacerebbe essere affiancati in questa avventura da imprenditori locali, dalle Istituzioni locali, ma sappiamo che il tutto, in primis, verterà su noi stessi. D’altronde come ho detto tante volte, la nostra è la Regione del lamento, ove tutti si lamentano sull’inerzia generale, ma alla fine nessuno fa nulla, ed ove vi fosse un progetto serio, in qualsiasi settore, viene abbandonato a se stesso.

Ad ogni buon conto, porgo un grandissimo in bocca al lupo, per questa avventura entusiasmante, chiamata SERIE A, a tutte le componenti del CMB, dai miei dirigenti, ai nostri calcettisti, dallo staff tecnico, a quello della comunicazione, alla nostra speaker, ed a tutti i nostri tifosi e sostenitori, con l’augurio di poterci togliere le nostre soddisfazioni anche quest’anno… ad maiora semper

Il Presidente